La disputa di Pierre de Marivaux

TitoloLa disputa
di Pierre de Marivaux
Anno di messinscena2005
RegiaAlvaro Piccardi
Note di regiaPDF

Sinossi

L’ironia di un uomo, il Principe, e la malafede di una donna, Ermiana, tradiscono le incertezze dei loro cuori, e sono all’origine della disputa in questione. Sotto gli occhi di Ermiana, il Principe ricrea una specie di età delle origini, mettendo in funzione una macchina che prevede l’incontro fra quattro “persone”, due ragazzi e due ragazze, immersi nello spazio incerto ed oscuro dell’alba dell’umanità. Per il geniale drammaturgo, un’occasione di relazionarci sulla nascita dei sentimenti e delle pulsioni amorose, attraverso i diversi passaggi che vivono i protagonisti della vicenda: dopo “lo stadio dello specchio”, in cui avviene il riconoscimento della propria identità e la scoperta del narcisismo, il momento della scoperta dell’altro, l’emergere della seduzione come gioco di relazione, la necessità di essere amati in modo esclusivo, ma anche di esigere l’adorazione sia dell’altro, che degli altri: in sostanza la necessità di essere continuamente riconfermati nella propria identità.Temi che vengono trattati con la leggerezza della commedia, ma anche con la crudeltà di un apologo esemplare. Un apologo che vive del nodo drammaturgico dichiarato, ma che ne nasconde un altro più sottile: il gioco perverso di una manipolazione, quella che il principe compie sui quattro ragazzi, soggetti dell’esperimento. C’è qualcosa di  diabolico e di tirannico nel progetto del Principe.

Cast artistico

Interpreti (in ordine alfabetico):

LAURA ROVETTI

LUIGI CAMPI

RICCARDO FLORIS

EMANUELA MASCHERINI

ENRICA AJÒ

MATTEO FEBO

 MANUELA SPARTÀ

ALESSANDRO LUCENTE

GUGLIELMO FAVILLA

 CAROLINA LEVI

Cast tecnico

SCENE: Carlo Rescigno

ASSISTENTE: Francesca Amato

COSTUMI: Giovanna Arena

ASSISTENTI: Virginia Gentili, Giacomo Ponzio

MUSICHE: Rita Marcotulli

DISEGNO LUCI: Giovanni Pirandello

PROGETTO: Sergio Rossi


Materiale d’archivio consultabile in sede

Video
Foto
Copioni
Bozzetti
Dati statistici del pubblico
Rassegna stampa
Studi critici

I commenti sono chiusi.